EAT THE WHISTLE
di @Luca Abiusi

eat_cover.png (21557 bytes)Poi Eat the Whistle verrà riposto tra gli oggetti smarriti degli anni ’Amiga, spettacolosi tempi di simulazioni che potrebbero insegnare l’arte del tirare il pallone in porta ai figli di EA Sports, loro che si son persi l’età dell’oro dei giochi calcistici d’Europa, quando un titolo come Sierra Soccer anticipava l’engine tridimensionale del Fifa Soccer per 3DO o quando un Retee!2 [European Champions] passava dalle visuali laterali a quelle aeree in tempo reale a mezzo attivazione di un tasto. Però Eat the Whistle arriva in epoche posteriori. Nel Novantotto. Game Over Amiga ma spiragli di mercato ancora buoni allo sviluppatore amatore, che se osservi gli omini rotondi e le palle paffute diventa il più veterano della scena, e probabilmente lo era pur senza lavorare in Sensible. Ci vogliono cinque tasti del joypad del CD32: giusto lo shift di sinistra sembra non rispondere a particolari funzioni, benché non ne sarebbero richieste eccedenti al cross, al lancio in profondità, al passaggio corto, al tiro e alla corsa. Multitastità degna del Super Famicom di Perfect Eleven.

Barretta Kinder a forma di piffero: in un certo senso Hurricane Studios arrischia la sua idea di calcio al cioccolato a partire dal titolo, ma non paga dazio a Ferrero. Piuttosto, ripristina il soccer pseudoarcade della Konami di un tempo, allorché si pensava che Perfect Eleven 2 fosse la espressione massima del calcio in orizzontale e che mai la evoluzione dei microchip ne avrebbe scalfite le dinamiche tutte bidimensionali, ridosso la rivoluzione tridimensionale. Eat the Whistle osa. Ora qualcuno dirà che il titolo poteva essere più fluido – ma con una scheda 030 a 50MHz, che l’utente Amiga sa di dover possedere, il gioco viaggia deciso in regime di trenta fotogrammi al secondo – eppure si è persuasi che la trama, la materia sgorgante dalla trama dei pupazzi palla a terra o a palombella rossa – sotto la neve, col pallone rosso – possa compensare eventuali lentezze e anzi soverchiare i limiti di scorrevolezza accertati sui 1200 a manovella. Assoluto gameplay. Le scorrerie di fascia vanno liberate con sventagliata a scavalcare, a premiare il bambolotto che corre e si allunga il pallone à la Mexico 86, che viene anche menzionato sull’aspetto della spettacolarità delle azioni performabili al volo in rovesciata finale o a incornare a testa d’ariete. Uovo Kinder, Eat the Whistle: la sorpresa è un sistema di gioco che mira a privilegiare in metratura uniforme gli aspetti arcade e simulativi della partita e pure con modalità mirate, sicché si debba scegliere per un tête-à-tête sullo stile di Speedball 2, con potenziamenti a razzo, o per un match ortodosso e quindi sfornito di power-up.

Evidentemente devoluta ai rimasugli di utenze Amiga grossomodo giacenti in Germania e Inghilterra, nel tardo ’Novantotto, la opera di Hurricane scrive di calcio post-coin-op meritorio di largo credito nello squarcio del genere sempre per l’irrisolto affare del videogioco del calcio che dovrebbe simulare fino al girone della replicazione parziale e irridere nella misura in cui la parodia è veicolo di intrattenimento. Il veicolo dell’intrattenimento. Lo si diceva l’altro ieri appena che il soccer elettronico avesse urgenza di ritornare agli stadi primordiali definiti da Jon Hare e Chris Chapman nei primi Novanta, adesso che ci si asserve alle annuali truffe verso l’umanità targate EA e Konami, manco se l’appassionato non avesse già stanato questa struttura a micro-aggiornamenti ruotante sulla dispensazione di micro-cazzate una tantum per ammansire masse che per sette giorni pensano di avere per le mani il calcio definitivo, quando invece hanno nel didietro il palo della luce definitivo. Questo è il videogioco del calcio. Quello che da giorni gira e rigira sull’Amiga nostro amico per convincere Nostra Maestà che gli ultimi dieci anni di evoluzione videoludica non siano così rilevanti, dal punto di vista del darwinismo applicato alle simulazioni calcistiche. Ché un gioco che offre cambi di gioco di sessanta metri e azioni a tocchi di prima e cucchiaino al limite dell’area, servendosi di un engine bidimensionale che non tema paralleli coi più sofisticati motori tridimensionali, e che produce tali quantità di animazioni pupazzose e collisioni generalmente ottime – fatta eccezione della forza di Star Wars che sembra indirizzare le parate di taluni portieri, che parano restando al centro della porta – sarebbe da inserire nella lista dei grandissimi di ogni tempo, poiché non è la variabile del tempo a decidere la grandezza di un videogioco.









 

  Piattaforma Amiga ECS / AGA CD
  Titolo Eat the Whistle
  Versione Europea
  Anno immissione 1998
  N. Giocatori 1/2
  Produttore Epic Marketing
  Sviluppatore Hurricane Studios
  Designers Gabriele Greco, Daniele Caramaschi
  Compositori Gabriele Greco, Daniele Caramaschi
  Sito Web www.hurricane-studios.com
  Sist. di controllo Digitale - Joystick / Joypad
  Numero tasti 1/5
  Orientamento Orizzontale
  Scrolling Multidirezionale
  Formato CD-Rom
  Numero supporti 1
  WHDLoad No
  Genere Sport arcade
  Rarità
  Quotazione 15 - 20 €
  OST No

 

Essenzialmente sviluppato in tandem da Gabriele Greco (codice) e Daniele Caramaschi (grafica), Eat the Whistle appartiene alla corrente di titoli Amiga, cui fanno parte gli stessi T-Zero e Powder e ancora prima i Black Viper e i Fightin’ Spirit di Lightshock, costituitasi nei tardi anni Novanta da software house italiane estemporanee, ma assai capaci nella implementazione tecnica del personal computer. Il gioco venne distribuito da Epic Marketing in versione floppy disk e CD. Non si è avuto modo di testare la edizione disco, tuttavia sembra che il titolo viaggi a velocità accettabili pure su processori ECS base; naturalmente consigliata una configurazione minima con processore 020. Il test della versione CD è avvenuto su di un 1200 montante una Blizzard 030 a 50MHz, mostrando buona fluidità ed effetti sonori "da stadio" (il CD carica i cori in tempo reale) di mirabile fattura. È consigliabile munirsi del joypad del CD32, che viene sfruttato ad hoc, benché sia anche possibile utilizzare joystick a singolo o a doppio pulsante. Eat the Whistle offre un buon numero di competizioni da affrontare in singolo – presente il campionato del mondo di Francia ’98 – e un esaustivo comparto opzioni. I manti erbosi mutano in base alle condizioni climatiche selezionate: l’innevamento del campo, in particolare, è reso assai bene. A conferma dell’alto livello di programmazione giunge la schermata delle risoluzioni video disponibili. Per le più alte si rendono necessari monitor multifrequenza o in alternativa scandoublers abbinati a schermi in VGA, oltre a processori più performanti (uno 060 è assolutamente consigliato). Non possedendo i diritti FIFPro sui nomi dei calciatori, Eat the Whistle riprende la tradizione Konami della storpiatura maldestra. Quindi Maldini diventa Lavandini, Batistuta Sbattistuca, Cannavaro Cacavaro. Successivamente le edizioni Amiga, Eat the Whistle diventa un titolo OpenSource per Mac OSX, Linux e Windows. Queste versioni consentono il libero allargamento di cinepresa fino a coprire il campo per la sua intera estensione orizzontale. Nel 2013 Caramaschi rilascia del titolo le versioni iOS e Android.

                                  

































eat50.png (989133 bytes)eat1.png (1284913 bytes)eat2.png (1296211 bytes)eat3.png (1280051 bytes)

eat4.png (1291182 bytes)eat5.png (1285397 bytes)eat7.png (1263417 bytes)eat8.png (1301571 bytes)

eat9.png (1305368 bytes)eat10.png (1290969 bytes)eat11.png (1318009 bytes)eat12.png (1287395 bytes)

eat13.png (1322096 bytes)eat14.png (1288816 bytes)eat15.png (1179496 bytes)eat16.png (1206981 bytes)

eat17.png (1237900 bytes)eat18.png (1177847 bytes)eat19.png (1187533 bytes)eat20.png (1279907 bytes)

eat21.png (1242446 bytes)eat22.png (1257835 bytes)eat23.png (1284869 bytes)eat24.png (1278881 bytes)

eat25.png (1287211 bytes)eat26.png (1292101 bytes)eat27.png (1286675 bytes)eat28.png (1300668 bytes)

eat29.png (1289392 bytes)eat30.png (1301676 bytes)eat31.png (1313287 bytes)eat32.png (1289995 bytes)

eat33.png (1271943 bytes)eat34.png (1262565 bytes)eat35.png (1286624 bytes)eat36.png (1250663 bytes)

eat37.png (1307879 bytes)eat38.png (1270363 bytes)eat39.png (1292719 bytes)eat40.png (1201660 bytes)

eat41.png (1144922 bytes)eat42.png (1058902 bytes)eat43.png (1190209 bytes)eat44.png (1300042 bytes)

eat45.png (1274470 bytes)eat46.png (1250109 bytes)eat47.png (1302147 bytes)eat48.png (1299006 bytes)

eat49.png (1300730 bytes)eat51.png (729667 bytes)eat52.png (634687 bytes)eat53.png (1151228 bytes)

eat54.png (811272 bytes)eat55.png (1138160 bytes)eat56.png (1154965 bytes)eat57.png (1229823 bytes)

eat58.png (1163641 bytes)eat59.png (1171519 bytes)eat60.png (1166779 bytes)