GATE OF THUNDER
di @Luca Abiusi

Dalla sovrastante striscia che disegna punti, armi e vite si potrebbe pensare di trovarsi davanti a una conversione PC Engine di Thunder Force III ma la somiglianza, e per realizzarlo occorrerà qualche minuto di malsana distruzione, si contiene tuttavia nel richiamo allo stile Technosoft e non eccede nel ricalco. Anzi Gate of Thunder risulta shoot ’em up munito di un suo consistere indipendente verso il puro discorso della tecnica visuale. E questo grazie a Red. Che è il gruppo di programmatori sussidiario di Hudson eletto a definire la direzione dello shooter del PC Engine, ma che già prima di Gate of Thunder era stato in grado di rendere scritture centrali, formidabili nel territorio del level design. Il suo Devil Crash fu a riguardo esemplare, nel ’90. Si riferirà inoltre del fantasioso Winds of Thunder ma adesso è tempo di fantascienza.

Red opziona il Super CD-Rom². In questo modo riesce a venire incontro alle utenze che erano passate al DUO o che vi sarebbero passate dopo aver visto il gioco in azione, in effetti. I vantaggi dell’utilizzo del CD si manifestano sotto forma di un soundtrack inciso direttamente su traccia di una certa violenza e in forma di quantificazione bidimensionale superiore. Tuttavia, la capacità del supporto è per una volta direttamente proporzionale alla qualità del programma che ne fa uso: la grafica si afferma difatti su livelli impensabili, i colori sono fulgidi e si sovrappongono in controasse a un idillio di sfondi animati, guerre stellari. Sicché i sessanta fotogrammi dello scorrimento concorrono a rendere l’azione fluente pure nella congestione fuori norma degli sprite e ancora nel succedersi di questi guardiani giganteschi che occupano rilevanti porzioni di schermo. Vi è una costruzione del fondale perseguente dettaglio importante allorché gli oggetti in primo piano si scansano, liberando estesi spazi di spazio e raggi laser, scatenando un design meccanico di carrozzerie e diffuso carisma: le navi-madre sono sterminate. Fanno comparsa all’inizio del livello e finiscono al suo culmine. I rivestimenti in pixel-metallo hanno consistenza reale. Se prendi il CD e lo pesi questo pesa più di un normale CD, perché contiene ferro. Gate of Thunder ce l’ha solo il PC Engine. Puoi cercare, trovare qualcosa di simile su Mega Drive ma poi dici no, e torni sul PC Engine.

Il design dell’astronave deve rimandare allAero Blasters di fabbrica Kaneko, che risaltava. Ma ci può stare. Simmetricamente le visuali, le migliori qualità dello sparatore si realizzano in seno al level design di evoluzione dell’assetto di volo, per consentire un canale di comunicazione tra le componenti estetiche e le routine di manovra: la smisuratezza dei materiali vuole un contesto di battibilità impegnativo ma difficilmente frustrante sull’interscambio delle armi blu, verdi e rosse di proprietà Red, e si fa in modo che non si debba in alcun modo ripiegare a interdire l’apoteosi distruttiva di generale immanenza per assenza di fuoco, codesta situazione di delirio e serie animata giapponese di robot e dipartimento di polizia del 2078 d.C. in cui si diventa promulgatori di formazioni di sparo arcaiche, benché estremamente funzionanti sull’argomento del ritmo. Si evince l’opportunità di non mettere in pausa. Si evince una possibilità di sparo kamikaze del genere che si è consapevoli di andare a schiantarsi per giusta causa, e addirittura può succedere che senza alcunché da perdere si inizi a scansarle una dopo l’altra le astronavi nemiche divenendo notevoli eroi salvatori della galassia e di Noi stessi, poiché per vincere è sufficiente lasciarsi andare e immolarsi alla colonna sonora fisicamente prestante, dura, potentissima che consuma la mente, corrode lo spirito. Esaltazione. Ecco l’unico sentimento possibile interagendo con Gate of Thunder, calcato esempio di cosa diventa lo shoot ’em up quando si asserve a un bisogno generazionale, all’urgenza greve di autodistruggersi per poter, un giorno, rinascere Dei.








  Piattaforma PC Engine Super CD-Rom²
  Titolo Gate of Thunder - ゲート オブ サンダー -
  Versione Giapponese
  Anno immissione 1992
  N. Giocatori 1
  Produttore Hudson Soft
  Sviluppatore RED
  Designers Ninniki.Nin, Owa.Cyan, Metal, Shell, Idol
  Compositori Nick Wood, M. Takeda, K. Yamaoka
  Sito Web www.hudson.co.jp
  Sist. di controllo Digitale - Joycard
  Numero tasti 2
  Orientamento Orizzontale
  Scrolling Laterale/Verticale
  Formato CD-Rom
  Numero supporti 1
  Compatibilità NTSC-J [] NTSC-U/C [No]
  Genere Shoot ’em up
  Rarità
  Quotazione 70 - 90 €
  OST No